ATTIVITÀ
Nella zona di Amelia ci sono anche diversi maneggi per chi ama l'equitazione:

www.horsepassion.it
info@horsepassion.it • per info tel. 320 6738731

Si può praticare anche Raftin
www.raftingmarmore.com • per info tel.330-753420

Per chi invece si vuole rilassare facendosi coccolare da massaggi e bagni termali a pochi Km. troverete le TERME DI ORTE, aperte stagionalmente.

www.termediorte.it
info@termediorte.it • per info tel. 0761 403066

oppure le TERME DI VITERBO, aperte tutto l'anno
www.termediviterbo.itwww.termedeipapi.net

 
AMELIA & DINTORNI
 
Amelia sorge su un colle che domina le valli del Tevere e del Nera, racchiusa in una cerchia di mura che la rendono nascosta e affascinante agli occhi dei visitatori. Il suo centro storico ha un tipico assetto medioevale, con le viuzze impervie, i palazzi , i giardini nascosti sui tetti delle case e le numerose chiese. E' considerata la più antica città fondata dagli Umbri, da re Ameroe dal quale prese il nome di Ameria. E' circondata dalle grandiose mura poligonali o Mura Dei Ciclopi, risalenti al vi/v secolo A.C. Qualche chilometro in più e possiamo raggiungere Lugnano in Teverina che si adagia su di un colle ed è racchiuso da mura spaziate da torri. Lugnano possiede un gioiello dell'arte romanica "la Collegiata di Santa Maria Assunta", con al suo interno opere di Livio Agresti, il trittico La Madonna col Bambino e Santi di Nicolò Alunno e una Crocifissione di scuola giottesca.
 
Narni, splendido borgo medioevale, è ricca di testimonianze storiche e archeologiche , tappe obbligate sono il Palazzo comunale e quello vescovile. A pochi chilometri dal borgo, situata in posizione panoramica che domina le valli sottostanti, troviamo la Rocca d' Albornoz, nei pressi della quale è stato inaugurato il primo Parco Medioevale dell'Umbria, aperto ogni domenica con spettacoli per grandi e piccini. Narni nasconde anche una bellezza segreta, la Narni Sotterranea, recentemente restaurata e in continua evoluzione di nuovi ritrovamenti. Sangemini è un rinomato centro termale che possiede un centro storico che si aggrega su un'altura nel sito dell'insediamento romano. Il fulcro di questo borgo medioevale è la Piazza di Palazzo Vecchio con il duecentesco Palazzo Pubblico. A 3 Km da San Gemini si trova l'area archeologica di Carsulae, nucleo abitativo romano formatosi nel III sec a.C. L'interesse di Carsulae deriva soprattutto dalla sostanziale integrità delle strutture principali, non alterate da sovrapposizioni posteriori.
 
Aggrappata a un ripiano tufaceo troviamo Orvieto che appare come un'isola bella in un mare scomparso; le origini risalgono al IX sec. A.C., quando gli etruschi abitarono le grotte scavate sotto la città. Famosissimo in tutto il mondo, il duecentesco Duomo di Santa Maria Assunta in Cielo, è una delle massime espressioni dell'arte italiana, la cui facciata, disegnata da Lorenzo Maitani, è un gigantesco trittico intriso di prodigi scultorei e mosaici policromi di eccezionale bellezza. Oltre ai Palazzi imponenti che attorniano il Duomo, il luogo simbolo più famoso di Orvieto è il Pozzo di San Patrizio, singolare opera di ingegneria idraulica progettato da Antonio Sangallo il Giovane, voluta da papa Clemente VII nel 1527 per approvvigionare d'acqua la Rocca in caso di guerra. A pochi chilometri da Amelia troviamo la Cascata delle Marmore, la più alta d'europa, ideata nel 271 a.C. dal console Manlio Curio Dentato per bonificare la piana reatina, essa rappresenta uno degli spettacoli naturali più entusiasmanti, l'acqua precipita da 160 m. dividendosi in tre salti.

Gli sport praticati in quest'area sono prevalentemente acquatici rafting, canottaggio, hidrospeed e il torrentismo.

www.raftingmarmore.com
per info e prenotazioni 330-753420
 
Le Fonti del Clitunno sono formate da sorgenti sotterranee che fuoriescono dalle polle, che si possono individuare nel fondo del laghetto attraverso le sue acque turchesi. E' un angolo estremamente suggestivo che diede ispirazione a numerosi pittori, scrittori e poeti. Ricordiamo Corot, Byron e Carducci, che dedicò a questo luogo una celebre ode. Todi, protetta da due cerchie murarie e adagiata sopra un colle, appare come una rocca inespugnabile. Vale la pena inerpicarsi per le strette viuzze del centro storico per scoprire le sue bellezze, la maggior parte delle quali sono concentrate nella centrale Piazza del Popolo.
 
Da non perdere inoltre, nei pressi di Norcia, tra fine maggio e i primi giorni di luglio, La Fioritura dell'altopiano di Castelluccio, un evento di particolare importanza. Per diverse settimane la monotonia cromatica del pascolo, viene spezzata da un mosaico di colori, con variazioni di toni che vanno dal giallo ocra al rosso Tra i boschi e le colline incontriamo numerosi borghi: Bomarzo con Il Parco dei Mostri, Collicello,Castel dell'Aquila,Avigliano Umbro, Santa Restituta, Dunnarobba con la Foresta Fossile, unico esempio conosciuto del quaternario arrivato fino ai giorni nostri, Montecastrilli, Melezzole, Farnetta, ecc.